eLearning

Game Design: dinamiche di gioco in dettaglio (gamification)

Quali sono le dinamiche di gioco che stanno alla base del game design e della gamification?

Mi occupo, a proposito di gamification, delle dinamiche di gioco. E’ importante conoscere i vari aspetti del game design, perché essi rientrano all’interno delle logiche di progettazione eLearning avanzata, in cui il coinvolgimento dell’utente é fondamentale.

Le dinamiche invece rappresentano quelle azioni, quei comportamenti, quegli atteggiamenti mentali che il gioco deve favorire nel giocatore affinché questi, utilizzando le meccaniche, sia sempre spinto al conseguimento dell’obiettivo finale. Quali possono essere le dinamiche?


Vuoi creare o aggiornare il tuo catalogo corsi, passando alla FAD di qualità?

Clicca sull’immagine qui sotto per scoprire come fare


Vediamole adesso.

  •  Sorpresa. I giocatori amano spesso essere sorpresi da alcune attività del gioco, da qualcosa di inaspettato che li coinvolge ex abrupto. Collocando opportunamente alcune eventi imprevisti durante lo svolgimento del gioco, l’effetto sorpresa potrà legare più facilmente il giocatore all’ambiente anche nell’attesa di assistere ad altre sorprese simili, che ormai fanno parte della logica del gioco. Sono esempi classici le cacce al tesoro, gli oggetti nascosti, oppure semplici sotto-attività che creano delle mini-sfide alla fine delle quali è possibile acquisire un distintivo o un vantaggio/potere del tutto inaspettato.
  • Bisogno di ordine. Molti giocatori amano ordinare gli oggetti e alcuni giochi organizzano delle attività specifiche per gratificare, ricompensare questi giocatori al termine di un ciclo di operazioni finalizzati a riorganizzare, a riordinare qualcosa.
  • Bisogno di donare. Questa dinamica è universale e presente in tutte le culture, con particolare intensità nelle culture orientali dove il dono è una pratica molto più frequente; in occidente il dono è per lo più collegato a ricorrenze o momenti particolari della vita. Il donare è un’attività che mette in connessione l’individuo con gli altri e quindi serve a creare un colante sociale all’interno del gioco.
  • Ricompensa. La ricompensa qui non va confusa con l’equivalente meccanica della ricompensa. Qui per ricompensa si intende il bisogno di sentirsi riconosciuti, gratificati, ricompensati moralmente grazie ad un’azione o a un risultato ottenuto. Serve sia per rafforzare il proprio status sociale agli occhi degli altri, sia per sentirsi effettivamente parte riconosciuta di un gruppo, sia ancora per sentirsi attivi e membri importanti di una comunità.

Vuoi imparare a creare corsi online professionali per i tuoi clienti o dipendenti?

Clicca sull’immagine qui sotto e scopri come fare

master elearning specialist

  • Bisogno di condurre. Il bisogno di leadership non è presente in tutti i giocatori, ma è una dinamica di cui tener conto, perché, se opportunamente sfruttata, consente di coinvolgere e qualificare il giocatore, il quale potrebbe addirittura svolgere una funzione di collante, di coalizzatore e trascinare altri giocatori ad un livello di coinvolgimento maggiore.
  • Aspirazione al successo. La dinamica del successo è simile a quella della ricompensa: si ha la necessità di esprimere il proprio potenziale conseguendo un obiettivo socialmente rilevante che collochi la persona ai livelli più alti della gerarchia sociale. Sfruttando queste dinamiche è possibile elevata sensibilmente il livello di coinvolgimento dei giocatori sensibili alla leadership e al successo.
  • Bisogno di riconoscimento sociale. Anche per questa dinamica la necessità di acquisire un certo status sociale è correlata alle dinamiche di leadership e sin successo. Ma coinvolge anche i giocatori non competitivi che nella collaborazione e nella condivisione con altri pari vedono un’opportunità di coinvolgimento emotivo che li appaga. Essere al centro della cerchia sociale del gioco per questo tipo di giocatore è parimenti importante.
  • Bisogno di accudire. Questo tipo di dinamica è meno frequente ma comunque diffusa. Alcuni giocatori sentono la necessità di curare, di dedicarsi ad un’attività di tipo parentale anche se metaforica: ad esempio curare delle piante, degli animali, curare una famiglia virtuale (si pensi al gioco The Sims o a SimCity, in cui ci si prende cura di una città nella qualità di sindaco virtuale).

  

Image credit: by Freepik


Le dinamiche di gioco sono state approfondite da me nei podcast di eLearningVincente nei Videotutorial di questo blog.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.