eLearning

La tenacia del pollo fritto

Un uomo piuttosto avanti con l’età, ex colonnello in pensione, non riusciva più a far fronte alle sue spese quotidiane. Decise di fare qualcosa per migliorare la sua condizione economica. All’età di 65 anni si chiese cosa potesse fare, cosa potesse offrire al mercato in modo da guadagnare qualcosa e migliorare la sua situazione.

Gli venne in mente di far conoscere in giro la sua ricetta del pollo fritto, nella speranza che i ristoratori e i fast food della zona potessero acquistarla e lui, di conseguenza, potesse acquisire un profitto dall’uso di tale ricetta.

L’idea era buona ma diffonderla e ottenere dei risultati fu davvero arduo.

Ricevette un bel po’ di rifiuti.

Ad un certo punto, decise persino di lasciare il suo stato, il Kentucky, viaggiando per gli USA e portando la sua ricetta in giro per ristoranti, chiedendo che la provassero gratuitamente e, in caso di successo, che gli riconoscessero una percentuale sul venduto.

Dovette subire ben 1.009 volte un “no”, prima di ricevere un “si”.

Adesso quel “sì” è diventato il Kentucky Fried Chicken.

Quell’uomo era il colonnello Harland Sanders, un imprenditore che ha iniziato a vendere pollo fritto dal suo ristorante lungo la strada a Corbin, Kentucky, durante la Grande Depressione. Sanders identificò il potenziale del franchising di ristoranti e il primo franchising “Kentucky Fried Chicken” fu aperto a Salt Lake City, Utah, nel 1952.

KFC rese popolare il pollo nell’industria dei fast-food, diversificando il mercato sfidando il predominio stabilito dell’hamburger. Il fondatore, marchiandosi come “Colonnello Sanders”, è diventato una figura di spicco della storia culturale americana e la sua immagine rimane ampiamente utilizzata nella pubblicità KFC.


Quante imprese oggi hanno la forza e la costanza del colonnello Sanders?

La tua formazione aziendale è così ambiziosa? Se non lo è, dovrebbe esserlo. Ti spiego come fare.


Il cambiamento è una grande sfida per tutti. Non c’è vero cambiamento se non c’è reale partecipazione e coinvolgimento quotidiano nel creare delle condizioni differenti.

La formazione rappresenta un asset strategico per la tua azienda, per favorire processi di crescita e di cambiamenti nei tuoi dipendenti, a patto che tu sappia, attraverso di essa, trasmettere i valori e gli obiettivi richiesti.

La formazione online, in particolare, grazie ad una piattaforma FAD idonea, come iSpring Learn, unitamente alla creazione di corsi online su misura e specifici per i tuoi collaboratori, grazie all’uso di iSpring Suite MAX, può contribuire concretamente allo sviluppo delle skills richieste.

E’ importante sviluppare un catalogo formativo in grado di coprire le differenti skills richieste e incentivare il personale all’acquisizione di queste competenze attraverso tecniche divertenti ed efficaci sul piano dell’apprendimento come la gamification e il microlearning.

I contenuti digitali di carattere multimediale aiutano la retention e i tuoi collaboratori impareranno in fretta, in minor tempo e col sorriso sulle labbra. Un bel salto di qualità, per chi vuole davvero promuovere il cambiamento e affrontare con intelligenza le resistenze!

Sto organizzando diversi webinar dedicati alla tematica dell’eLearning e all’implementazione di soluzioni efficaci per le PMI e le grandi aziende. Se vuoi iscriverti gratuitamente, vai alla pagina dedicata ai webinari.


Dato che il cambiamento incontra spesso degli ostacoli, è fondamentale mantenere la rotta davanti ad essi e trovare il modo di aggirarli o di distruggerli

piattaformefad

Se stai cercando una piattaforma FAD, contattami


La cultura dell’eLearning si può diffondere e può sprigionare i suoi effetti solo se avrai, nella tua azienda, il coraggio e la costanza del colonnello Sanders, ossia, se sarai anche tu capace di fronteggiare 1.009 resistenze da parte dell’organizzazione.

In tal senso é essenziale:

  • dare maggiore importanza all’analisi dei bisogni, con un occhio di riguardo ai dipendenti , al loro punto di vista concreto sulle procedure, le prassi e le difficoltà quotidiane che incontrano (senza fermarsi alla mera vision manageriale, che spesso ignora problematiche più operative che gravano sugli operatori);

  • consentire una strutturazione del catalogo non solo per contenuto, ma anche per competenze, in modo da responsabilizzare il dipendente nella sua formazione e agevolare il Training Manager e nella gestione degli eventi formativi e nella comprensione della crescita professionale dei singoli dipendenti

Cosa ne pensi? Mi interessa la tua opinione.

Se vuoi, scrivi nei commenti.

Per la storia documentata del KFC, la trovi su wikipedia.

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.