eLearning

Uso delle immagini nell’e-learning

L’uso delle immagini gioca da sempre un ruolo importante nell’apprendimento e, grazie alle nuove tecnologie, è possibile utilizzare la grafica nell’e-learning per rendere l’esperienza di apprendimento più attraente e interessante. Uno strumento, che se usato in maniera adeguata, aiuta ad organizzare anche argomenti non proprio semplici e renderne l’acquisizione più efficace.

Come sfruttare la grafica nell’e-learning?

 Immagini semplici

L’utilizzo di elementi grafici semplici come disegni stilizzati e icone sembra essere più efficace in un corso e-learning. Come afferma anche Connie Malamed, una e-learning specialist, una grafica semplice ha bisogno di meno tempo per essere elaborata come informazione nella memoria a lungo termine ed è più probabile che possa essere compresa da culture diverse. L’uso della grafica nell’e-learning pone infatti anche il problema della competenza cross-culturale, per cui è necessario utilizzare contenuti e elementi che possano essere compresi da tutti.

Non è da escludere però l’utilizzo di immagini più elaborate, come fotografie o immagini ricche di contenuti, quando l’argomento o l’obiettivo del corso e-learning lo richieda, come nel caso di argomenti più tecnici.

 

Il troppo stroppia

Utilizzare diversi elementi grafici, di diverso tipo, non è mai utile. Si rischia di creare caos e confusione nel percorso di apprendimento e di non trovare uno stile coerente.

Sono gli argomenti e gli obiettivi didattici a determinare quale grafica e come usarla nell’e-learning: i corsi di formazione obbligatori sulla conformità richiederanno uno stile ben diverso da un corso di storia. Lo stile grafico dovrà essere coerente lungo tutto il percorso, per dare anche un’immagine del corso nel suo complesso ben curato e organizzato.

 

Problemi di dimensione

Le dimensioni di un elemento grafico contano. Un corso e-learning è un corso che potenzialmente è seguito da chiunque in qualunque parte del mondo e di conseguenza l’accesso ad una rete internet non sarà uguale per tutti. Bisogna quindi ottimizzare le immagini affinché siano caricate rapidamente su qualunque dispositivo, fisso o mobile. Come fare a ridimensionare un’immagine? Basta usate un editor di immagini (Photoshop, Paint) e impostare il corretto formato di output.

 – Per le immagini a tono continuo, il formato da usare è JPEG, ma attenzione alla compressione, per evitare di perdere in qualità dell’immagine.

– Il formato GIF è invece indicato per elementi di grafica piatta a tinte unite, ma attenzione alla compressione che in questo caso può compromettere ancora di più la qualità dell’immagine.

È buona regola generale non inserire troppi elementi di grafica per non appesantire il corso e-learning e rendere l’apprendimento più difficile. Come già evidenziato, troppo e messo male rischia di distrarre l’attenzione degli studenti da quello che è il reale obiettivo didattico del percorso.

 

Insegnare non impressionare

Lo scopo di inserire la grafica e usarla nell’e-learning è trovare strumenti che possano supportare l’apprendimento e non solamente “abbellirlo”. Tra gli elementi grafici inseriti e i contenuti deve esserci sempre una correlazione che aiuti gli studenti a trattenere meglio quanto appreso, altrimenti si tratta solo di un carico cognitivo aggiuntivo che non serve. Perché infatti inserire elementi che rallentano il “caricamento” delle informazioni nel cervello, come accade per una pagina del corso?

 

Combinazione di immagini e testo

La combinazione di immagine e testo nella stessa diapositiva o pagina è utile ad accelerare il caricamento, oltre che a consentire allo studente di collegare immediatamente i due contenuti. Tuttavia, in alcuni casi, può accadere di avere testo prima e immagine dopo per utilizzare l’immagine come suggerimento visivo all’elaborazione dei contenuti esposti in precedenza, in vista di attività successive collegate.

 

Tabelle e grafici

Tabelle e grafici sono utili a riportare informazioni complesse in maniera semplice e lineare. È consigliabile anche usare delle icone che possono sostituire il testo, essere universalmente comprensibili (per cibo, popolazione) e diventare un elemento di rinforzo per la memoria a lungo termine. La comunicazione visiva gioca infatti un ruolo importante nell’apprendimento, perché consente di elaborare più facilmente informazioni complesse.

 

Il copyright

Il web è pieno di siti che offrono immagini ed elementi di grafica: basterebbe fare una ricerca con Google Images per trovare quello che fa al caso tuo. Ma è possibile utilizzarli? Bisogna infatti stare attenti al copyright: assicurati che le immagini e la grafica che vuoi usare gratuitamente non abbiano vincoli di royalty e non siano soggette a copyright. In alternativa, puoi decidere di acquistare immagini stock di qualità per un risultato professionale o, se il tuo budget lo consente, anche rivolgerti ad un grafico professionista per creare immagini e grafica su misura per il tuo corso e le esigenze aziendali.

 

La grafica riveste un ruolo importante nella progettazione di un corso e-learning e usarla richiede attenzione e competenza. Seguendo questi consigli potrai assicurarti un risultato soddisfacente e dare uno stile unico al tuo corso e-learning per un apprendimento efficace.

 

 

Spero che questi consigli sul come progettare corsi e-learning davvero efficaci ti siano utili. Come sempre, attendo qui sotto i tuoi commenti. Se ti serve una consulenza o un partner per la progettazione e sviluppo di contenuti e-learning, contattami pure! Oppure, puoi rispondere al breve sondaggio qui sotto.

Image credit: by Freepik

powered by Typeform

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.