eLearning

Come determinare il ROI dell’eLearning nella tua organizzazione

Il ROI in eLearning è un valore complesso da dimostrare e quantificare. Spesso i formatori si trovano a dovere dimostrare il valore della formazione e del lavoro che svolgono. Vediamo quali fattori sono in gioco per la sua determinazione.

Come dimostrare il valore della formazione elearning?

Per dimostrare il valore della formazione online i formatori dovrebbero evidenziare principalmente quelli che sono i vantaggi, a partire da quelli più pratici.

 

Un buon investimento di tempo e denaro

Avere delle linee guida comuni per lo svolgimento dei processi consente ad un’organizzazione di avere un risparmio in termini di costi e tempi. L’obiettivo della formazione online è proprio quello di fornire competenze e abilità al personale, oltre che offrire la possibilità di imparare processi nuovi che vadano a vantaggio dell’azienda.

 

Sviluppo di una cultura aziendale

Formare il  personale significa anche sviluppare una cultura aziendale che si rifletta sia all’interno che all’esterno. Dare delle linee guida comuni su processi e procedure è utile ad esempio nell’assistenza clienti, per assicurarti che i dipendenti diano la stessa risposta alla stessa domanda. Ciò avrà certamente ripercussioni positive sull’immagine dell’organizzazione, mostrando coerenza.

 

Sviluppo dell’autostima

Se le motivazioni sopra citate non bastassero, si può aggiungere che la formazione consente ai dipendenti di acquisire competenze e abilità che aiuteranno a migliorare la loro autostima. Sapere cosa fare in una determinata situazione è certamente un vantaggio psicologico rispetto all’improvvisazione a cui ci si troverebbe costretti se non si fosse seguito un percorso di formazione elearning adeguato. Di conseguenza ciò aumenta la fiducia in se stessi e rende il personale anche più felice sul posto di lavoro, a tutto vantaggio del clima aziendale.

 

Perché capita spesso che i primi tagli vengano fatti alla formazione online aziendale?

Il valore della formazione, soprattutto dell’e-learning, non è chiaro perché innanzitutto non è chiara la necessità per cui si fa formazione. All’interno di un’organizzazione accade spesso che la formazione sia legata ad un’esigenza individuata all’istante e a cui si pensa di poter rimediare in tempi rapidi. Non viene quindi condotta un’adeguata analisi dei bisogni formativi, essenziale per individuare sia le competenze mancanti, che devono essere sopperite, sia i processi, che devono essere migliorati.

Le ragioni per cui un’organizzazione presenta problemi di performance possono essere infatti varie e andrebbero attentamente studiate per individuare l’approccio migliore, per il quale non sempre la formazione è necessariamente la risposta adeguata.

Le cause potrebbero essere legate alla motivazione che spinge i dipendenti sul luogo di lavoro, problemi con le attrezzature, competenze e capacità fisiche e mentali, processi obsoleti o inadeguati, ecc.

 

Occorre quindi verificare come la formazione sviluppata nella tua organizzazione sia una risorsa preziosa e non un’esigenza del momento che può rivelarsi inadeguata.

Come fare?

 

Analisi dei bisogni formativi

Il primo passo è condurre un’analisi dei bisogni formativi. In questo modo la formazione aziendale si tradurrà in un valore aggiunto per la tua organizzazione. È importante però distinguere tra “analisi dei desideri” e “analisi dei bisogni”, poiché entrambe sono essenziali.

L’analisi dei desideri implica una conoscenza diretta del tipo di formazione a cui aspirano i tuoi dipendenti, mentre un’analisi dei bisogni implica un’analisi dei processi per come vengono svolti e come dovrebbero essere svolti, in maniera sistematica, in modo da individuare eventuali problemi e cause.

 

Il Ritorno sull’investimento nella formazione elearning

Misurare il cosiddetto ROI (Return on Investment), ovvero il rendimento che la formazione online porta in termini economici alla tua organizzazione, è il modo migliore per dimostrare il valore della formazione. Sebbene non sia semplice in maniera “tangibile”, non è del tutto impossibile. Occorre infatti condurre analisi e osservazioni pre- e post-formazione che dimostrino in che modo la formazione ha determinato un cambiamento e quindi ha avuto un impatto sul rendimento economico dell’organizzazione.

 

Formazione differenziata

Spesso, nel ruolo di instructional designer, si tende a dimostrare il valore della formazione con la quantità dei contenuti, con informazioni dettagliate e soluzioni “tutto in uno”. Il rischio è quello di un sovraccarico didattico nel quale il valore della formazione si perde in troppi dettagli.

Il bello della formazione è che esistono moltissime modalità di erogazione e risorse che possono adattarsi alla tua tipologia di studente: e-learning, formazione guidata con istruttore, simulazioni interattive, coaching o mentoring in azienda, conferenze, per citarne alcune.

 

La scelta della tipologia di formazione deve tenere presente molte variabili, dall’analisi dei bisogni formativi alla tempistica e i costi. Si tratterà di scegliere la soluzione più adeguata sia in termini di costi che di benefici, che aumenteranno il valore della formazione.

 

Dimostrare il valore della formazione online non è semplice ma dimostrare che la formazione è in grado di risolvere problemi all’interno dell’azienda è possibile. Questo aiuterà a convincere i manager che l’investimento sulla formazione non è marginale, ma essenziale per ottenere un vantaggio competitivo, sia per i dipendenti che per l’azienda.

 

Spero che questi consigli sul come progettare corsi e-learning davvero efficaci ti siano utili. Come sempre, attendo qui sotto i tuoi commenti. Se ti serve una consulenza o un partner per la progettazione e sviluppo di contenuti e-learning, contattami pure! Oppure, puoi rispondere al breve sondaggio qui sotto.

Image credit: by Freepik

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.